Blog

Remember Legionella

Posted by:

Remember Legionella

Stato dell’arte 2015/6

Corsi e ricorsi storici. Ogni anno si ripropone più volte la casistica legata alla Legionellosi, patologia in continuo  e graduale aumento, anche se i dati raccolti ci dicono che è tuttora una infezione ampiamente sottostimata, in molte regioni.

Spesso, come nell’emergenza a Parma del 2016 (31 casi e due morti), la parola passa ai giudici che indagano per omicidio ed epidemia colposa (nel caso di cluster importanti). La recente legislazione (nuove linee guida in vigore dal 7 Maggio 2015) ci chiede un addendum alle nostre expertises, cambiando parzialmente i nostri modi di agire, adeguandoli a quelle che sono le nuove regole sul tema.

Il cambiamento riguarda la sanità pubblica (e tutti noi) perchè si passa dalla ricerca “su richiesta” al monitoraggio del germe in ambiente sanitario: le sedi odontoiatriche rientrano nella sorveglianza delle strutture e nella relazione 2015 del gruppo legionella dell’ISS, compare come uno degli ambienti meritevoli di sorveglianza (insieme alle piscine, controllo “storico” e consolidato).

La centralità del laboratorio rimane evidente per la diagnosi: il 97,5% dei casi è stato diagnosticato mediante un singolo esame, il rimanente 2,5 con due o tre test. Il metodo più usato è l’antigene solubile urinario di L. pneumophila con il 95,7%. Seguono il 2,5% di isolamento da materiale dell’apparato respiratorio, 1,6% da sierologia (0,5 sieroconversione e 1,1% titolo anticorpale) e 0,2% da PCR o immunofluorescenza. 

Oltre al controllo “ospedaliero e clinico” i cambiamenti riguardano soprattutto l’impiantistica (integrando anche qui la legge sulla sicurezza 81/2008 – Titolo X) con l’obbligo della valutazione del rischio ed il controllo (semestrale) per la legionella. Gli impianti a rischio sono non solo gli impianti idrici degli edifici, ma anche le torri di raffreddamento ed i condensatori evaporativi (sancito l’obbligo nelle linee guida, con notifica dei responsabili degli impianti). Il riferimento specifico, che riguarda l’odontoiatria, è legato anche alle attrezzature: insieme a vasche idromassaggio ed umidificatori, troviamo i riuniti odontoiatrici.

Un altro inciso riguarda i laboratori di riferimento (elenco contenuto nelle linee guida): sono tutti con certificazione Accredia – ISO ( 9001, 10674).  Rimane la componente legata alla medicina dei viaggi: 192 casi tra gli italiani; con l’apporto degli stranieri porta a 351 i casi totali nel 2015.

 

BIBLIOWEB:

    Rapporto 2015 sulla Legionellosi del “ISS” – PDF-FlipBook

 clicca-qui

Click per visualizzare le Linee Guida 2015 sulla Legionellosi



Articoli correlati:

0
Michele Schinella

About the Author

Email: [email protected]
Go To Top
AVVERTENZA: Questo sito web utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore agli Utenti Maggiori informazioni