Blog

Ai Tempi del CoVID-19

Posted by:

Ai Tempi del CoVID-19

La “cassetta degli attrezzi” sul tema

ILCoronavirus ci ha ricordato dell’esistenza delle epidemie, che la coscienza collettiva aveva rimosso. Quello che sta succedendo sembra un “deja vu” delle situazioni passate. Per prevenire il rischio di infezione è prioritario curare l’igiene delle mani e delle secrezioni respiratorie e seguire alcune raccomandazioni.

Comunicazione. Utilizzare solo informazioni provenienti da “fonti certificate”, per evitare Fake News. Siti ministeriali, Organizzazioni internazionali e Società Scientifiche, mettono a disposizione materiale informativo Evidence Based. Ne riportiamo alcuni esempi in allegato. La rivista “The Lancet” ha addirittura attivato un settore “dedicato”.

Mascherina. La mascherina non è necessaria per la popolazione generale, in assenza di sintomi di malattie respiratorie.  L’Organizzazione mondiale della sanità raccomanda di indossare “anche” una mascherina solo in caso si sospetti di aver contratto il nuovo coronavirus e siano presenti sintomi quali tosse o starnuti, oppure se si è in contatto con una persona con sospetta infezione da nuovo coronavirus.

L’uso della mascherina aiuta a limitare la diffusione del virus, ma deve essere adottata in aggiunta ad altre misure di igiene respiratoria e delle mani. Non è utile indossare più mascherine sovrapposte. Non è necessaria per la “popolazione generale, in assenza di sintomi di malattie respiratorie”. È quanto scrive il Ministero della Salute sul proprio sito.

Disinfettanti. I coronavirus sono sensibili agli antisettici che contengono etanolo e ai disinfettanti che contengono cloro o “candeggina”. Sono questi i prodotti da usare per pulirsi le mani o disinfettare gli ambienti.

“Distanziamento” sociale. Sono le misure di salute pubblica introdotte in questi giorni ed hanno l’obiettivo di ridurre la velocità di diffusione del virus, spostando in avanti, nel tempo, il picco epidemico e ‘spalmando’ i casi su un arco temporale più lungo. Le misure vanno dall’isolamento, all’individuazione ed alla sorveglianza dei contatti, fino alla quarantena, alla chiusura di scuole e luoghi di lavoro o all’adozione di lezioni scolastiche, universitarie e lavoro a distanza.

Mappa online Day by Day. Deriva dall’iniziativa della Protezione civile, allo scopo di “garantire una sempre più efficace e trasparente comunicazione istituzionale”. I dati vengono aggiornati giornalmente alle ore 18, in contemporanea alla conferenza stampa che viene trasmessa attraverso i canali social del Dipartimento.

Diarrea. E’ un sintomo sottovalutato. Un team di ricercatori cinesi, esaminando i dati di tre studi, ha riscontrato come la descrizione del sintomo “diarrea” fosse l’elemento più significativo dei casi descritti di COVID-19. La ricorrenza del sintomo ha spinto i ricercatori a non escludere la possibilità di una trasmissione oro-fecale del virus.

La proteina “spike” del nuovo coronavirus, condivide lo stesso recettore di ingresso cellulare, ACE2, del coronavirus SARS (noto per una trasmissione oro-fecale). Sono stati quindi esaminati i profili di espressione di ACE2, in vari tessuti umani. Secondo quanto riportato nell’articolo apparso su Gut online, ACE2 era altamente espresso negli enterociti prossimali e distali dell’intestino tenue, così come lo erano due recettori di ingresso di altri coronavirus.

Anche l’articolo comparso su “Lancet Gastroenterology and Hepatology” ha ipotizzato il coinvolgimento enterico dei coronavirus. Con percentuali simili, nei vari articoli, si segnala la diarrea in circa il 10% dei soggetti con sintomi gastrointestinali. La possibilità di interessamento enterico ha importanti conseguenze per il controllo delle infezioni.

Spostamenti. Si può uscire per andare al lavoro o per ragioni di salute o per altre necessità, come per l’acquisto di beni essenziali. Si deve comunque essere in grado di provarlo, anche mediante autodichiarazione, che potrà essere resa su moduli prestampati già in dotazione alle forze di polizia, statali e locali. La veridicità delle autodichiarazioni sarà oggetto di controlli successivi e la non veridicità costituisce reato. E’ comunque consigliato lavorare a distanza, ove possibile, o prendere ferie o congedi. Senza una valida ragione, è richiesto restare a casa, per il bene comune.

Smart working.  Anche per i dipendenti pubblici.  Le nuove misure incentivano il ricorso allo smart working, semplificandone l’accesso. Compete al datore di lavoro individuare le modalità organizzative che consentano di riconoscere lo smart-working, al maggior numero possibile di dipendenti.

La lezione della “paura”. Il virus paradossalmente sembra svolgere malgrado tutto una funzione di riforma del nostro sistema sanitario, nel senso che attraverso la paura della gente, il nostro SSN recupera rispetto, dignità e considerazione. A puntare i riflettori su bambini e adolescenti, gli esperti della Società Italiana di Psichiatria (Sip) hanno indicato alcune misure per governare gli effetti delle restrizioni. Ad esempio alcuni consigli: riscoprire il ruolo dei genitori come compagni di giochi creativi e all’aperto; offrire ai più grandi spazi domestici per invitare uno, al massimo due amici a casa, nel rispetto delle restrizioni previste dal decreto; il fine è di contenere le conseguenze dell’isolamento.

Piccoli studenti. La chiusura delle Scuole evidenzia una serie di problematiche nella sfera psichiatrica: “ansie e paure in agguato per i più piccoli, rischio di “social overdose” per gli adolescenti. Tali aspetti possono negativamente influenzare molti individui. I bambini sono i più fragili e indifesi e possono soffrire di un’angoscia penetrante, perché più permeabili alle paure, dell’adulto. Anche le emozioni si propagano per contagio.

Un opuscolo per combattere le paure dei bambini, realizzato dal team di ricerca del progetto “Hemot” (Helmet for emotions) del Dipartimento di Scienze Umane dell’Università di Verona (Psicologia dello sviluppo e dell’educazione), con la collaborazione della Protezione Civile della Regione Veneto, riassume un elenco di cose da fare e non fare, per non soccombere alle emozioni e gestirle in maniera equilibrata.

COVID-19  vs la normale influenza.  Esistono indubbie similitudini. Entrambi i virus si presentano con una patologia di carattere respiratorio ad ampio raggio: i pazienti possono essere asintomatici, presentare una sintomatologia di bassa gravità, fino ad arrivare a una patologia severa ed alla morte. Entrambi i si trasmettono per contatto, tramite goccioline (di Flugge o droplet) su materiale contaminato dalla persona infetta. Dal punto di vista della salute pubblica, le misure da implementare, per limitarne la diffusione, sono le stesse: igiene delle mani, starnutire all’interno del gomito o in un fazzoletto di carta e poi gettarlo, tenere le distanze.

Differenze. La velocità di trasmissione è un importante aspetto differenziale tra i due virus. L’intervallo seriale del Covid-19 è di 5-6 giorni, mentre quello dell’influenza è di 3 giorni. Il numero di riproduzione dei casi (il numero delle infezione generate da un singolo caso) è stimato tra 2-2,5 per Covid-19, più alto di quello dell’influenza. I bambini sono un importante veicolo di trasmissione comunitaria del virus dell’influenza stagionale. Per quanto riguarda il Covid-19, i primi dati hanno indicato un impatto minore tra i bambini e le percentuali di forme cliniche, nella fascia di età 0-19 anni, sono molto basse. Inoltre, i dati preliminari indicano che i bambini colpiti dal virus sono stati infettati dagli adulti, piuttosto che viceversa.

Zone Interessate. Per effetto del DPCM del 9 marzo, le regole sono uguali su tutto il territorio nazionale e sono efficaci dalla data del 10 marzo sino al 3 aprile. Non sono più previste zone rosse. Le limitazioni che erano state emanate nel precedente Decreto del 1° marzo, con l’istituzione di specifiche zone rosse, sono cessate.

Mascherine

Mascherine

Raccomandazioni del Ministero della Salute

Raccomandazioni

BIBLIOWEB:

Mappa della diffusione http://opendatadpc.maps.arcgis.com/apps/opsdashboard/index.html#/b0c68bce2cce478eaac82fe38d4138b1
ECDC https://www.ecdc.europa.eu/en/publications-data/public-health-management-persons-having-had-contact-novel-coronavirus-cases
Assobiomedica DPI http://www.assosistema.it/coronavirus-safety/
Ministero della Salute www.salute.gov.it/nuovocoronavirus
http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/archivioMaterialiNuovoCoronavirus.jsp
https://www.thelancet.com/coronavirus?dgcid=kr_pop-up_tlcoronavirus20
Xiaobo Yang, Yuan Yu, Jiqian Xu, et al. Clinical course and outcomes of critically ill patients with SARS-CoV-2 pneumonia in Wuhan, China: a single-centered, retrospective, observational study. The Lancet Respiratory Medicine, February 24, 2020
Samantha K Brooks, Rebecca K Webster, Louise E Smith,et al. The psychological impact of quarantine and how to reduce it: rapid review of the evidence. The Lancet, February 26, 2020
Becky McCall.  COVID-19 and artificial intelligence: protecting health-care workers and curbing the spread .The Lancet Digital Health – February 20, 2020
Coronavirus & Media http://newmicro.altervista.org/?p=7019
Coronavirus Update http://newmicro.altervista.org/?p=7004

 Regolamentazione per l’attivazione del Lavoro Agile in Occasione dell’emergenza legata al COVID-19, ASST  Nord Milano 2020 (PDF)

Un Click per Leggere

 Autodichiarazione ai sensi degli artt. 46 e 47 DEL D.P.R. 28 DICEMBRE 2000, N. 445 (PDF)

Un Click per Leggere

 Public health management of persons, including healthcare workers, having had contact with COVID-19 cases in the European Union – ECDC, 25 February 2020 (PDF)

Un Click per Leggere

 Nuovo Coronavirus: Il VADEMECUM -  COSA FARE IN CASO DI DUBBI (PDF)

Un Click per Leggere

 Raccomandazioni per le persone in isolamento domiciliare e per i famigliari che li assistono  (PDF)

Un Click per Leggere

 Rapporto Prima Linea Covid-19 – assetto organizzativo gestionale dei PS/DEA  (PDF)

Un Click per Leggere

 Coping with stress during the 2019-nCoV outbreak (PDF)

Un Click per Leggere

 Helping children cope with stress during the 2019-nCoV outbreak (PDF)

Un Click per Leggere

 Coronavirus ed emergenza sanitaria globale — HeMOT (Helmet for EMOTions) (PDF)

Un Click per Leggere

 Far fronte allo stress durante l’epidemia di COVID-19 (PDF)

Un Click per Leggere

 Vademecum Psicologico (Coronavirus) per i cittadini, 2020 (PDF)

Un Click per Leggere

 COVID-19 and artificial intelligence: protecting health-care workers and curbing the spread – Lancet Digital Health, 2020 (PDF)

Un Click per Leggere



Articoli correlati:

0
Giovanni Casiraghi

About the Author

Email: [email protected]
Go To Top
AVVERTENZA: Questo sito web utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore agli Utenti Maggiori informazioni