Blog

Monitoring Antimicrobial Resistance

Posted by:

Monitoring Antimicrobial Resistance

Il rapporto Oms-Oie-Fao

Nel mondo si stanno compiendo passi significativi nella lotta alla resistenza antimicrobica (AMR),  anche se permangono gravi lacune che richiedono un’azione urgente. In sintesi è il contenuto del rapporto pubblicato dall’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura delle Nazioni Unite (FAO), dall’Organizzazione mondiale per la salute degli animali (OIE) e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). L’indagine è sviluppata ed emessa congiuntamente dalle tre organizzazioni ed il rapporto analizza i dati del secondo anno dell’indagine.

Molti paesi europei, da  più di quarant’anni, lavorano alle politiche AMR, nei settori umano e animale, anche se tutti riconoscono margini di miglioramento. Ciò conferma la tendenza mondiale  che i progressi nello sviluppo e nell’attuazione dei piani sono maggiori nei paesi ad alto reddito, rispetto ai paesi a basso reddito, anche se tutti possono migliorare le loro performances. Nessun paese riporta una “capacità sostenibile”, su vasta scala, in tutte le aree.

Il Report esamina sorveglianza, istruzione, monitoraggio e regolamentazione del consumo ed uso di antimicrobici per la salute umana, salute e produzione animale, nonché per piante ed ambiente, come da raccomandazioni del piano d’azione globale (pubblicato nel 2015). Centocinque paesi (su centonovantaquattro Stati membri dell’Oms contattati) mostrano risultati promettenti, con sistema di sorveglianza in atto, per la segnalazione di infezioni resistenti ai farmaci nella salute umana;  in sessantotto paesi vi è un sistema per tracciare il consumo di antimicrobici.

Le risposte di tutti i paesi sono pubblicate in una banca dati open source, per offrire la possibilità di revisione interna alla società civile e ad altre parti interessate. Centoventitre nazioni hanno riferito di avere politiche per regolamentare la vendita di antimicrobici (compreso il requisito di una prescrizione per uso umano), una misura chiave per affrontare l’uso e l’abuso di antimicrobici. Fin qui i dati “positivi”.

Ma il rapporto mette in evidenza le aree, in particolare nei settori animale e alimentare, in cui c’è un’urgente necessità di maggiori investimenti e azioni. L’attuazione di politiche varia e le medicine non regolamentate sono ancora disponibili in luoghi come i “mercati di strada”, senza controlli su come vengono utilizzati. I farmaci sono molto spesso venduti senza prescrizione medica o veterinaria e questo mette a rischio la salute umana e animale, contribuendo potenzialmente allo sviluppo delle resistenze antimicrobiche. Vi è anche una sostanziale mancanza di azione e dati nei settori dell’ambiente e delle piante.

Solo sessantaquattro paesi riferiscono di seguire le raccomandazioni FAO-OIE-OMS (a limitazione dell’uso di antimicrobici), di importanza strategica per la crescita nella produzione animale. Di questi, 39 sono paesi ad alto reddito (in maggioranza nella Regione Europea dell’Oms). Questo importante passo, per ridurre l’emergere della resistenza antimicrobica, è stato fatto solo da sette paesi della regione delle Americhe e da tre paesi della regione africana dell’Oms.

Nonostante settantotto nazioni abbiano regolamentazioni in atto, per prevenire la contaminazione ambientale in generale, solo dieci tra questi  riferiscono di avere sistemi completi per garantire la conformità normativa per tutta la gestione dei rifiuti, comprese le regole che limitano lo scarico di residui antimicrobici nell’ambiente. Evidente che non è sufficiente per proteggere l’ambiente dai rischi della resistenza antimicrobica.

L’indagine sui progressi dei paesi nell’affrontare l’AMR fa parte del monitoraggio dell’attuazione del piano d’azione globale, approvato dall’Oms e dagli Stati membri della FAO e dai paesi membri dell’UIE, nel 2015. Da questo sondaggio e da altre fonti,  FAO, OIE e OMS, comunicano che 100 paesi hanno piani d’azione nazionali per AMR e altri 51 paesi hanno piani in via di sviluppo, ma occorre fare di più, per garantire che siano implementati.

BIBLIOWEB:

Sito OMS antimicrobial resistance   http://www.who.int/antimicrobial-resistance/en/
Monitoring Global Progress On Addressing Antimicrobial Resistance (AMR) Analysis report of the second round of results of AMR country self-assessment survey (full report)   http://www.who.int/antimicrobial-resistance/publications/Analysis-report-of-AMR-country-se/en/
Antibioticoresistenza: GLASS Stewardship   http://newmicro.altervista.org/?p=4324
Antimicrobico-resistenza: nuovi scenari   http://newmicro.altervista.org/?p=3618
Cosa cambia in Laboratorio  http://newmicro.altervista.org/?p=2946
Nuove frontiere in microbiologia e biologia molecolare   http://newmicro.altervista.org/?p=2099
Microbiologi Europei http://newmicro.altervista.org/?p=2922



Articoli correlati:

0
Paolo Lanzafame

About the Author

Email: [email protected]
Go To Top
AVVERTENZA: Questo sito web utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore agli Utenti Maggiori informazioni