Blog

Whistleblowing 2019

Posted by:

Whistleblowing 2019

Il rapporto di Transparency International Italia

Un fischio contro la corruzione: così possiamo sintetizzare l’attività di Whistleblowing svolta dai cittadini nei confronti di situazioni corruttive. Secondo il Rapporto 2019 proprio in Sanità viene registrato il più alto numero di segnalazioni di corruzione.

Nel 2019 il team Allerta Anticorruzione (ALAC) di “Transparency International Italia” ha ricevuto 88 segnalazioni. La maggior parte proviene dal Lazio ed altre regioni hanno registrato un significativo aumento: Puglia, Trentino Alto Adige, Emilia Romagna, Liguria e Marche. Guardando al dato provinciale, il maggior numero di segnalazioni è arrivato dalla Città Metropolitana di Roma, seguita da Milano, Napoli e Foggia. È quanto riporta il Rapporto Whistleblowing 2019.

“Purtroppo – spiega il Direttore di Transparency International Italia, Davide Del Monte – chi segnala irregolarità è nella pratica ancora troppo poco tutelato, sia per delle evidenti carenze nell’attuazione delle normative, sia per la cultura del nostro paese, che ancora identifica il whistleblowing con la delazione, piuttosto che con un atto di coraggio a difesa della collettività. Per questo non ci fermeremo, ma al contrario stiamo progettando nuove attività di comunicazione e di supporto ai segnalanti, che speriamo possano aiutare l’Italia a colmare il gap ancora esistente con i Paesi più virtuosi”.

Ci sono due settori nei quali il numero di segnalazioni è costante fin dall’apertura di ALAC: le amministrazioni locali e la sanità. “Da anni – si legge nel report – ci impegniamo in progetti per la trasparenza e l’anticorruzione in questo settore ed è quindi particolarmente spiacevole riscontrare come continui a risultare fortemente problematico. Nell’ultimo anno un settore che è stato particolarmente oggetto di segnalazioni, rispetto ai periodi precedenti, è quello turistico”.

Analogamente agli anni scorsi, più di metà delle segnalazioni ricevute riguarda due categorie di illiceità: la prima comprende episodi di nepotismo, clientelismo e favoritismi; la seconda riguarda invece frodi o altre violazioni contabili. Queste ultime coinvolgono sia l’ambito pubblico che quello privato. Evidenziano diverse fattispecie criminali e mettono a repentaglio l’economia del Paese. Le condotte di nepotismo e clientelismo sono invece una testimonianza di come certe situazioni, nel settore pubblico, siano ancora lasciate all’ampia discrezionalità di pochi.

ANAC. L’autorità nazionale contro la corruzione, ha reso disponibile sul proprio portale la procedura di segnalazione di condotte illecite per i dipendenti pubblici che intendano  render noti illeciti di interesse generale e non di interesse individuale, di cui siano venuti a conoscenza in ragione del rapporto di lavoro, in base a quanto previsto dall’art. 54 bis del d.lgs. n. 165/2001, così come modificato dalla legge 30 novembre 2017, n.179.

Registrando la segnalazione sul portale, i lavoratori ottengono  un codice identificativo univoco,  da utilizzare per “dialogare” con Anac, in modo spersonalizzato e per essere costantemente informati sullo stato di lavorazione della segnalazione inviata, che va conservato attentamente perché non replicabile.

L’autorità precisa che l’attività  si svolge ai sensi e nei limiti di quanto previsto dalla legge n. 190/2012, in un’ottica di prevenzione e non di repressione di singoli illeciti;  può avviare un’interlocuzione con il Responsabile della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza (RPCT) dell’Amministrazione oggetto di segnalazione o indicare i “fatti” alle istituzioni competenti, ad esempio l’Ispettorato per la Funzione Pubblica, la Corte dei conti, l’Autorità giudiziaria, la Guardia di Finanza ma non può intervenire direttamente.

Grazie all’utilizzo di un protocollo di crittografia che garantisce il trasferimento di dati riservati (il codice identificativo univoco) il livello di riservatezza è aumentato, rispetto alle precedenti modalità di trattamento della segnalazione.

L’ Autorità consiglia, a coloro che hanno trasmesso la propria segnalazione dopo la data di entrata in vigore della legge n. 179/2017 e tramite altri canali (telefono, posta ordinaria, posta elettronica, certificata e non), di utilizzare esclusivamente la piattaforma informatica, permettendo una maggiore celerità di trattazione della segnalazione stessa, garantendo una più efficace tutela del whistleblower.

È possibile accedere all’applicazione tramite il portale dei servizi ANAC al seguente url https://servizi.anticorruzione.it/segnalazioni/#/. A maggior tutela dell’identità del segnalante, l’applicazione è resa disponibile anche tramite rete TOR al seguente indirizzo: http://bsxsptv76s6cjht7.onion/; per accedere è necessario dotarsi di un apposito browser, disponibile al seguente link: https://www.torproject.org/projects/torbrowser.html.en.

La rete TOR garantisce, oltre alla tutela del contenuto della trasmissione, anche l’anonimato delle transazioni tra segnalante e applicazione, rendendo impossibile per il destinatario e per tutti gli intermediari della trasmissione, avere traccia dell’indirizzo internet del mittente.

BIBLIOWEB:

Rapporto di Transparency International Italia – Whistleblowing 2019 (in PDF allegato)
Rete TOR https://www.torproject.org/
http://bsxsptv76s6cjht7.onion/
ANAC – segnalazioni https://servizi.anticorruzione.it/segnalazioni/#/
Browser specifico rete TOR - https://www.torproject.org/projects/torbrowser.html.en
Piano nazionale anticorruzione – Criteri http://newmicro.altervista.org/?p=6968
Dicono di Noi. Anticorruzione e Trasparenza in Sanità http://newmicro.altervista.org/?p=3183
Livelli Essenziali Anticorruzione  http://newmicro.altervista.org/?p=4394
Ministero “Trasparentehttp://newmicro.altervista.org/?p=5404
Sito ANAC http://www.anticorruzione.it/portal/public/classic/
ANAC RELAZIONE ANNUALE 2019 – Camera dei deputati Roma, 2 luglio 2020 http://www.anticorruzione.it/portal/public/classic/Attivitadocumentazione/Pubblicazioni/RelazioneParlamento/_relazioni?id=ebd7f2f20a7780421a927869bf5987c8
ANAC Delibera n. 213 del 4 marzo 2020  https://www.anticorruzione.it/portal/public/classic/AttivitaAutorita/AttiDellAutorita/_Atto?id=cae73b8d0a778042618b6e4b0c73f97a

 Rapporto di Transparency International Italia – Whistleblowing 2019 (PDF)

Un Click per Leggere

 ANAC – Delibera n. 213 del 4 marzo 2020 / FAQ Trasparenza / RELAZIONE ANNUALE 2019 – Presentazione Camera dei deputati Roma, 2 luglio 2020 (PDF)

Un Click per Leggere

 


Articoli correlati:

0
Giovanni Casiraghi

About the Author

Email: [email protected]
Go To Top
AVVERTENZA: Questo sito web utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore agli Utenti Maggiori informazioni