Blog

Gonorrea News

Posted by:

Gonorrea News

Due notizie (una cattiva ed una buona) riportano all’attenzione una vecchia conoscenza, Neisseria gonorrhoeae. L’OMS stima che 78.000.000 di persone all’anno contraggano la gonorrea, una malattia sessualmente trasmessa (STD) che può infettare genitali, retto e gola. L’infezione, in molti casi asintomatica, è associabile a malattie infiammatorie pelviche, gravidanze ectopiche e infertilità.

La prima notizia, cattiva, ci porta a conoscenza dei risultati ottenuti dal Gonococcal Antimicrobial Surveillance Programme (GASP) dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e pubblicata su PLOS.

Il monitoraggio delle forme di gonorrea resistenti ai farmaci (dal 2009 al 2014), ha dimostrato una diffusa ridotta sensibilità alla ciprofloxacina (antibiotico di prima linea), una resistenza aumentata all’azitromicina e l’emergere di sensibilità dose-dipendenti e/o vere resistenze, nei trattamenti con l’ultima generazione di Cefalosporine (ESC-Extended-Spectrum-Cephalosporins). A tal punto che il Oms esorta i paesi ad aggiornare le loro linee guida nazionali di trattamento.

Nella maggior parte dei Paesi, ha detto, gli ESC sono ora i soli antibiotici che restano efficaci per il trattamento della gonorrea. Ma la resistenza a questi farmaci è già stata segnalata in 50 nazioni. Gli esperti Oms sottolineano che è “solo una questione di tempo” prima che gli antibiotici contro la gonorrea si rivelino inefficaci. Teodora Wi, specialista della riproduzione umana presso la Health Agency delle Nazioni Unite (Ginevra), ha comunicato che sono documentati tre casi specifici (Francia, Spagna, Giappone)  di pazienti affetti da gonorrea, con documentata assenza di  antibiotici efficaci. Questi straordinari ceppi della malattia, totalmente resistenti agli antimicrobici, costituiscono già una minaccia globale importante.

C’é un “bisogno urgente” di nuovi farmaci: la pipeline è molto scarna (solo tre nuovi potenziali farmaci anti gonorrea, in fase di sviluppo, con nessuna garanzia sull’efficacia finale). Anche gli sforzi per sviluppare un vaccino anti gonorrea hanno dato risultati deludenti: quattro tipi di vaccino hanno raggiunto la fase di sperimentazione clinica, ma nessuno si è rivelato realmente efficace.

Ma ecco la “buona nova”, direttamente da Lancet. Un gruppo di ricercatori della Nuova Zelanda, durante una campagna di vaccinazione contro la meningite, ha rilevato un “effetto collaterale” sorprendente: la somministrazione del vaccino antimeningite ha procurato, ai soggetti vaccinati, anche una moderata protezione contro la gonorrea. Lo studio (circa un milione di persone sotto i 20 anni) basato sulla popolazione che ha ricevuto il vaccino MeNZB contro la meningite, durante un programma di immunizzazione nel periodo 2004-2006 ha offerto una preziosa opportunità per testare la protezione crociata.

I dati provengono da undici centri specialistici per la salute sessuale (età compresa tra i 15 ed i 30 anni) che avevano avuto una diagnosi di gonorrea o infezione da Chlamydia trachomatis o entrambe e che erano stati anche idonei ad essere immunizzati contro la meningite, nella campagna 2004-2006.  I soggetti vaccinati avevano meno probabilità di contrarre la gonorrea, tenendo conto di fattori quali l’etnia, lo stato sociale, l’area geografica ed il sesso.  Il vaccino MeNZB ha ridotto l’incidenza della gonorrea di circa il 31%.

I risultati “forniscono prove sperimentali” e “la prova di principio” che i vaccini contro la meningite potrebbero offrire una moderata protezione incrociata anche contro la gonorrea. Le malattie sono molto diverse (sintomi e modalità di trasmissione), ma Neisseria gonorrhoeae e Neisseria meningitidis hanno una corrispondenza genetica che può raggiungere il 90%, deponendo per un meccanismo biologicamente plausibile di protezione crociata.

Rimaniamo in attesa di notizie!

BIBLIOWEB:

Wi T, Lahra MM, Ndowa F, Bala M, Dillon J-AR, Ramon-Pardo P, et al. (2017) Antimicrobial resistance in Neisseria gonorrhoeae: Global surveillance and a call for international collaborative action. PLoS Med 14(7): e1002344.
http://journals.plos.org/plosmedicine/article?id=10.1371/journal.pmed.1002344
https://doi.org/10.1371/journal.pmed.1002344
Petousis-Harris H, Paynter J, Morgan J, Saxton P, McArdle B, Goodyear-Smith F, Black S. Effectiveness of a group B outer membrane vesicle meningococcal vaccine against gonorrhoea in New Zealand: a retrospective case-control study.  Publication stage: In Press Corrected Proof http://dx.doi.org/10.1016/S0140-6736(17)31449-6·
LG WHO   http://apps.who.int/iris/bitstream/10665/246114/1/9789241549691-eng.pdf?ua=1
https://ecdc.europa.eu/sites/portal/files/media/en/publications/Publications/1206-ECDC-MDR-gonorrhoea-response-plan.pdf
https://ecdc.europa.eu/sites/portal/files/documents/EQA%20Report%202016%20final.pdf
http://www.epicentro.iss.it/problemi/gonorrea/aggiornamenti.asp



Articoli correlati:

0
Paolo Lanzafame

About the Author

Email: [email protected]
Go To Top
AVVERTENZA: Questo sito web utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore agli Utenti Maggiori informazioni