Blog

Sorvegliare le resistenze: chi, come, dove e quando

Posted by:

Sorvegliare le resistenze: chi, come, dove e quando

Sorveglianza attiva dei microrganismi multiresistenti  

ILcontrollo di tutti quei microrganismi, il cui isolamento può rappresentare una situazione di rischio per la totalità o parte dei pazienti ricoverati oppure la spia di una malpractice ospedaliera, è senza dubbio uno dei compiti che i laboratori devono svolgere nel contesto del rischio clinico e di quello epidemiologico.

Deve essere prevista una lista dei germi dinamica. Inevitabilmente, data la variabilità genetica e fenotipica dei microrganismi altamente trasmissibili, particolarmente virulenti o con particolari caratteristiche di patogenicità. Aspetti che condizionano le azioni di controllo e di prevenzione nel reparto in cui vengono isolati, tenendo presente che le colture di routine dell’ambiente, in genere, non sono necessarie.

Perché occuparsi dei germi multi-resistenti? Sono ad alto rischio di diffusione fra paziente e paziente, potendo veicolare (e diffondere) resistenze agli antibiotici anche tramite materiale extra-cromosomico, come i plasmidi. L’attenzione è dovuta anche in presenza di un singolo caso, sia per motivi clinici sia per ragioni epidemiologiche, dovendo modulare il target microbico sulla base di una variazione significativa dell’endemia di un reparto.

L’attività è legata alla “cura sartoriale” richiesta per sorvegliare l’ecoambiente ospedaliero (e non solo) con la descrizione reparto per reparto, settore per settore, del microbioma che prendiamo in considerazione. Ovviamente alcuni germi portano con sè un “bagaglio di indicazioni” che indirizzano il modo d’agire e la stessa sorveglianza. Diverso è parlare di Clostridium difficile o di Neisseria meningitidis, piuttosto che di Staphylococccus aureus meticillino-resistente (MRSA) o di enterococchi con resistenza ai glicopeptidi.

Alcuni microrganismi sono divenuti purtroppo familiari, come gli enterobatteri resistenti ai carbapenemi (Klebsiella pneumoniae o Escherichia coli), o i non fermentanti come Acinetobacter baumannii e Pseudomonas aeruginosa. Aggiungiamo casi particolari, come il Fusarium, nei reparti di oncoematologia o, in corso di lavori edili, di Aspergillus spp.

Di norma lo screening microbiologico degli operatori sanitari non è necessario. Può essere indicato solo in caso di evidenza epidemiologica della trasmissione microbica da una fonte comune, come momento di ricostruzione della catena epidemica (anche per motivi educazionali).

Potremmo sintetizzare un obiettivo generale: l’identificazione precoce dei pazienti infetti o colonizzati con microrganismi MDR, è indispensabile per agire sull’interruzione della catena di trasmissione e per impedire lo svilupparsi di “cluster”.

La relazione allegata non ha la pretesa di indicare “la” soluzione al problema. Fornisce però un esempio concreto di come si possa “personalizzare” la sorveglianza, attuandola nel riconoscimento del “continuo divenire” della lotta ai patogeni MDR.

BIBLIOWEB:

Sartor A. Sorvegliare le resistenze: chi come dove  e quando. Sorveglianza attiva dei microrganismi multiresistenti.  Atti del 6° congresso Newmicro: “Cambiano gli scenari e i contesti: nuove sfide per il microbiologo clinico ” – Bardolino, 27-29 marzo 2019 (in e-book allegato)
Saggi molecolari – Enterobatteri MDR http://newmicro.altervista.org/?p=6056
Consolidare o decentrare http://newmicro.altervista.org/?p=6025
L’antibioticoresistenza resiste http://newmicro.altervista.org/?p=5719
Antibiotico resistenza Upgrade sorveglianza http://newmicro.altervista.org/?p=5412
Smart Antimicrobial Stewardship http://newmicro.altervista.org/?p=5177
Antimicrobial Stewardship in metrò http://newmicro.altervista.org/?p=4703
Monitoring Antimicrobial Resistance http://newmicro.altervista.org/?p=4601
Antibioticoresistenza: GLASS Stewardship http://newmicro.altervista.org/?p=4324
Sorveglianza d’Abruzzo http://newmicro.altervista.org/?p=3944
Campania (in) Felix http://newmicro.altervista.org/?p=3909
Antimicrobico-resistenza: nuovi scenari http://newmicro.altervista.org/?p=3618
La STEWARDSHIP dell’ANTIBIOTICOTERAPIA http://newmicro.altervista.org/?p=1451

 Sorvegliare le resistenze: chi come dove  e quando. Sorveglianza attiva dei microrganismi multiresistenti.  A. Sartor , Atti del 6° congresso Newmicro: “Cambiano gli scenari e i contesti: nuove sfide per il microbiologo clinico ” – Bardolino, 27-29 marzo 2019 (PDF-FlipBook)

Un Click per Leggere

 


Articoli correlati:

0
Assunta Sartor

About the Author

Email: [email protected]
Go To Top
AVVERTENZA: Questo sito web utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore agli Utenti Maggiori informazioni