Blog

ECM Indice di gradimento

Posted by:

ECM Indice di gradimento

Più della metà dei medici non è in regola. Tra due mesi scade il triennio formativo 

Due mesi scarsi alla chiusura del triennio formativo ECM 2014-2016 e meno della metà dei medici risulta in regola. A ridosso dell’imminente scadenza, il sondaggio fotografa una situazione “problematica”: sono stati raggiunti solo dal 56% degli intervistati, mentre meno della metà (il 47%) ha già conseguito tutti i 150 crediti.

Effettuato dall’Osservatorio Internazionale della Salute (O.I.S.) il sondaggio raccoglie 2.833 interviste, distinte per aree, 1.350 nel Nord, 609 nel Centro e 874 nel Sud. L’indagine si è svolta nella prima settimana di settembre del 2016 ed è stata realizzata tramite un questionario on line autocompilato.

Hanno risposto validamente al questionario 1.602 uomini e 1.231 donne. Il 14,3% degli intervistati ha meno di 45 anni, il 25,3% tra i 46 e i 55 anni, il 49,9% tra i 56 e i 65 anni e il 10,4% oltre 65 anni. Meno disposti a soddisfare l’obbligo previsto sono i più giovani e i più anziani: un 2,2% dei medici non ha conseguito neanche uno.

Nel 47% di medici che, ad oggi, hanno ottemperato all’obbligo, variano le percentuali legate alle diverse fasce d’età: si va dal 49,7% dei compresi tra i 46 e i 55 anni al 50,6% tra i 56 e i 65. I medici under 45, scendono al 37,9% e, per gli over 65, al 36,9%.

In relazione alle aree geografiche del campione considerato: il Sud Italia è col 49,1% l’area migliore, seguito dal  Nord 47,3%, mentre al Centro il numero scende al 43,7%.

La modalità di fruizione preferita dai medici è la Formazione a Distanza (FAD), prediletta dal 48% degli intervistati, a discapito di un 39% che preferisce i corsi residenziali e un esiguo 9% che si dice più interessato alla formazione sul campo. I provider privati registrano i livelli di soddisfazione più elevati per qualità della FAD offerta.

Le specializzazioni:condizionano le percentuali: alte(superiori al 55%) per infettivologi, pediatri e medici di medicina generale con oltre 50 crediti ECM. Ortopedici (il 47%), chirurghi (il 34%), neurologi/neuropsichiatri (il 29%) e psichiatri (il 25%) sono fermi a valori inferiori ai 30 crediti.

Con valori attorno al 73% i medici italiani non ritiengono soddisfacenti i metodi previsti per acquisire i crediti ECM offerti dagli Enti preposti al controllo dell’obbligo formativo. Stessa percentuale di scontento anche a proposito dell’accesso ai dati relativi alla loro formazione.

 

BIBLIOWEB:

Crediti ECM Da obbligo a opportunità di crescita OIM

http://www.osservatorio-ois.com/

 

   In allegato presentazione PPT-FlipBook

Click per visualizzare il Flip-Book
 

   In allegato la Documentazione relativa in formato PDF

 

Click per visualizzare la Documentazione



Articoli correlati:

0
Giovanni Casiraghi

About the Author

Email: [email protected]
Go To Top
AVVERTENZA: Questo sito web utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore agli Utenti Maggiori informazioni