Blog

Sepsi Four

Posted by:

Sepsi Four
Premi, poster e linee guida

Gode del discutibile privilegio di un giorno “dedicato”, il Word Sepsis Day, ed è una delle evenienze più temute dal personale sanitario (in particolare se il germe è multi resistente). E’ una delle emergenze mondiali e anche in Italia si sta correndo ai ripari, col gruppo di lavoro del Ministero della Salute che raccoglie professionisti da Lombardia, Toscana ed Emilia Romagna.

I dati pongono le patologie infettive fra le priorità della sanità, in particolare in ambito ospedaliero.

Considerando che il fenomeno delle resistenze microbiche, è sempre un passo avanti rispetto alla ricerca farmacologica, dobbiamo approfondire la problematica. Secondo dati dell’European Centre for Disease Prevention and Control, nella Penisola l’antibiotico-resistenza è tra le più elevate d’Europa, con picchi al Centrosud rispetto al Nord Italia, in relazione col maggior consumo umano di antibiotici registrato in queste aree.

Quale sia l’urgenza è chiaro: bisogna affrontare la sepsi.

Perché la sepsi se non riconosciuta e trattata adeguatamente può evolvere rapidamente verso un quadro di sepsi severa o di shock settico, condizioni patologiche gravate da alto grado di mortalità. L’incidenza della sepsi severa è in aumento del 9% anno (3/1000 popolazione; 2,3/100 dimissioni ospedaliere).

Questo aumento è dovuto a numerosi cofattori: aumento di pazienti anziani, affetti da patologie croniche e complesse, oncologici, immunosoppressi, portatori di catetere vescicale e di dispositivi intravascolari e sottoposti ad interventi di chirurgia maggiore e/o particolarmente invasiva.

Il problema della sepsi dispone già dal 2012 linee guida, ed iniziative di formazione capillare del personale sanitario. Sono stati così identificate varie soluzioni come NEWS e Bundle tipo sepsi six.

Il Centro Gestione Rischio Clinico e Sicurezza del paziente della Regione Toscana ha ricevuto il Global Sepsis Award 2016, dalla giuria della Global Sepsis Alliance “per la capacità mostrata nel generare e promuovere eccellenti iniziative e programmi formativi per la lotta alla sepsi, centrati sui fattori umani e la sicurezza del paziente”.

Premiati anche gli istituti di governo clinico del National Health Service Wales (Galles, UK), e la Clinical Excellence Commission (CEC), australiana. Istituito nel 2012 e voluto dalle fondazioni di pazienti colpiti da sepsi, è assegnato da una giuria composta dai più importanti esperti di sepsi a livello mondiale.

La Toscana organizza annualmente il Forum di Risk Management in Sanità ad Arezzo: alla sua 11° edizione (fine novembre 2015) il premio Tuscany Sepsis Award, è stato assegnato ex equo a due Aziende ospedaliere lombarde e milanesi, San Paolo e Istituti Clinici di Perfezionamento.

Oggi la sepsi (un’infezione incontrollata che provoca una o più insufficienze d’organo) è diventata la prima causa di morte intraospedaliera e molto ancora deve essere fatto per sistematizzare  il percorso diagnostico-terapeutico in ogni ospedale. E’ la sfida dell’oggi e del domani.

Si parla sempre di infezioni ospedaliere, dando per scontato che si contraggono sempre in ospedale: in realtà una parte dei pazienti arriva in pronto soccorso con emocoltura positiva, sottolineando il cambiamento del problema infezioni che si è spostato sul territorio.

Le recenti linee guida pubblicate su Jama (elaborate da un panel di esperti) poi, spostano l’attenzione dall’infezione con infiammazione sistemica alla disfunzione di organo, innescata dall’infezione e ridefiniscono sepsi e shock settico.

BIBLIOWEB:

http://jama.jamanetwork.com/article.aspx?articleid=2492881

Singer M., Deutschman CS, Seymour CW, Shankar-Hari M, Annane D, Bauer M, Bellomo R, Bernard GR, Chiche JD, Coopersmith CMHotchkiss RS, Levy MM, Marshall JC, Martin GS, Opal SM, Rubenfeld GD, van der Poll T, Vincent JL, Angus DC The Third International Consensus Definitions for Sepsis and Septic Shock (Sepsis -3) JAMA. 2016 Feb 23;315(8):801-10. doi: 10.1001/jama.2016.0287

F.E. Odinolfi, G. Casiraghi, M. Moscheni, P. Passarello – Realizzazione di un modello di Risk Assessment per la lotta alla Sepsi – Atti del 1° Congresso Nazionale SIPMeL «La Medicina di Laboratorio guarda al futuro» 24-26 Novembre 2015 Palazzo dei Congressi dell’EUR – Roma

F.E. Odinolfi, G. Casiraghi, M. Moscheni, P. Passarello – Audit su due anni di sepsi attraverso DRG e Codici ICD9CM nel modello di Risk Management in un ospedale dell’area milanese – Atti 11° Forum di Risk Management – Arezzo 24-27/11/2015

F.E. Odinolfi , G. Casiraghi, M. Moscheni, G. Maierna, G. Moise – Progetto integrato di formazione aziendale sulla Sepsi – Atti 11° Forum di Risk Management – Arezzo 24-27/11/2015

F.E. Odinolfi , M. Moscheni, G. Casiraghi, M.E. Alberti, L. Mus i- Realizzazione di un software dedicato all’Incident Reporting in un’Azienda Ospedaliera Lombarda – Atti 11° Forum di Risk Management – Arezzo 24-27/11/2015

 

   In allegato presentazione PPT-FlipBook


Click per visualizzare la Presentazione PowerPoint
 

   In allegato la Documentazione relativa in formato PDF

 

Click per visualizzare la Documentazione



Articoli correlati:

0
Francesco Bondanini

About the Author

Email: [email protected]
Go To Top
AVVERTENZA: Questo sito web utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore agli Utenti Maggiori informazioni