Blog

Coronavirus – Misurare lo stress degli operatori sanitari

Posted by:

Coronavirus – Misurare lo stress degli operatori sanitari

I.o.v .di Padova e Sacco di Milano lanciano una survey online

Durante la pandemia i sanitari hanno messo in campo la loro vita per la collettività, dimostrando a tutti l’importanza dei valori umani, al di là di tutto. Le persone che oggi vivono il carico emotivo dei reparti COVID, si troveranno domani ad affrontare una “aura traumatica” di cui ora non sono ancora ben consapevoli. Se il contagio finirà come previsto, quello psichico continuerà, perché il trauma continuerà a vivere nella psiche di chi lo ha subito.

I sanitari hanno vissuto la sofferenza che penetra l’anima, quando nei momenti di pausa ti torna alla mente l’ultimo sguardo del tuo paziente, che ti chiede di non abbandonarlo o il silenzio angosciante, quando comunichi la morte di un padre, di una moglie o peggio ancora di un figlio.

La Psicologia conosce ciò che accade all’Anima, ma il medico-sanitario lo vive. Le due prospettive non possono più rimanere separate. La teorizzazione e il vissuto non possono più rimanere disgiunti. Dissociare un’emozione, senza rendersene conto, è un processo automatico di fronte alla morte di un paziente, alla sofferenza scolpita sul suo volto e su quello dei famigliari, alla paura di essere contagiati, alla paura di morire come loro.

Possiamo immaginare cosa accada nell’Anima e nella Psiche delle persone che hanno visto morire un paziente dopo l’altro, pervasi da una sensazione di impotenza? Possiamo immaginare il dolore di un sanitario, contagiato da COVID, nel vedere i propri famigliari infettati a causa sua o, peggio, vedere il proprio congiunto morire di COVID, sapendo che sei tu la causa di contagio?

Sono delle situazioni non nuove in campo sanitario: esperienze simili le abbiamo viste o vissute negli anni 80 e 90 con i pazienti HIV o nei reparti di oncologia, anche se non in condizioni paragonabili alla pandemia COVID. Le soluzioni sono passate attraverso gruppi Balint o programmi di mindfulness, a sostegno dei sanitari e contro il Burn-Out e le situazioni di stress postraumatico che si erano verificate.

Inevitabile allora apprezzare la survey per misurare lo stress degli operatori sanitari, in corso di pandemia COVID-19. È quanto hanno lanciato la U.O. Oncologia dell’Istituto Oncologico Veneto e la Psichiatria dell’Ospedale Sacco di Milano.

L’iniziativa congiunta, che vede come referenti Camilla Gesi dell’ASST Fatebenefratelli – Sacco e Fotios Loupakis dell’Istituto Oncologico Veneto, si inserisce in un progetto più ampio, condotto dallo Iov di Padova e finalizzato a valutare e implementare misure di sicurezza degli operatori, che vanno dal monitoraggio dell’infezione nei sanitari alla diagnostica precoce, dallo sviluppo di nuovi DPI riutilizzabili, alla sorveglianza dei livelli di stress lavorativo.

L’indagine è rivolta a lavoratori di ogni ordine e ruolo (medici, infermieri, tecnici, farmacisti, data manager, personale amministrativo ed altro ancora). La survey è stata già compilata da oltre 500 fra medici ed altri operatori sanitari e sta continuando a circolare, attraverso vari canali (gli ordini professionali, alcune società scientifiche, tra cui l’AIOM). Questa diffusione, attraverso canali diversi ed integrati, è strategica per avere un quadro il più dettagliato possibile sul territorio nazionale.

La survey – spiegano i referenti – contribuirà anche a fornire dati utili nell’ambito di una progettualità ancora più ampia, rivolta alla protezione del personale sanitario nel corso dell’attuale emergenza. Coordinata dall’Istituto Oncologico Veneto (Irccs) include le Università di Pisa e di Padova e partner privati per parti specifiche, promuovendo lo sviluppo di dispositivi di protezione e test sierologici e diagnostici innovativi. Ad oggi, il progetto ha ottenuto il patrocinio dalla Società Italiana di Oncologia Medica.  Da numerose altre è in attesa di risposta”.

La Survey è disponibile anche in lingua inglese per gli operatori di altre Nazioni. Come non aderire?

Prova!

Questionario – Versione italiana https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLScG6OrVBpkcTFk5ewiE7XDN-5YTizRWnUv2FBRk80Y5MbyB5w/viewform

Questionario – Versione inglese https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLScl8rgsV1_WNCei88twoMh1vCiV1UAYal8kmPZqq3iyAL39hg/viewform

BIBLIOWEB:

Old Med & COVID http://newmicro.altervista.org/?p=7233
Ancora Covid 19 http://newmicro.altervista.org/?p=7213
COVID-19 Test di Laboratorio http://newmicro.altervista.org/?p=7193
Emergenza COVID-19: UNI per Noi http://newmicro.altervista.org/?p=7184
Coronavirus, Mascherine e Immunodepressi http://newmicro.altervista.org/?p=7169
EBM COVID 19 http://newmicro.altervista.org/?p=7146
Ai Tempi del CoVID-19 http://newmicro.altervista.org/?p=7100
Coronavirus & Media http://newmicro.altervista.org/?p=7019
Coronavirus Update http://newmicro.altervista.org/?p=7004
Non si uccidono così anche i cavalli? http://newmicro.altervista.org/?p=6946
Stress & Aggressioni. Prevenzione d’Europa  http://newmicro.altervista.org/?p=5710
Sicurezza sul lavoro in Sanità http://newmicro.altervista.org/?p=3411
Medici in fuga http://newmicro.altervista.org/?p=2110
Old Med http://newmicro.altervista.org/?p=2085
Non solo negli USA. Medice, cura te ipsum! http://newmicro.altervista.org/?p=1039
Il Lavoro ai tempi del Burn Out http://amicimedlab.altervista.org/?p=6136



Articoli correlati:

0
Sandro Pierdomenico

About the Author

Email: [email protected]
Go To Top
AVVERTENZA: Questo sito web utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore agli Utenti Maggiori informazioni