Posts Tagged 'Corte di Cassazione penale'

Responsabilità dell’anestesista e del direttore sanitario

Posted by:

Responsabilità dell’anestesista e del direttore sanitario

Corte di Cassazione Penale, Sezione IV – Sentenza n. 32477 del 2019

Informarsi sulla storia del paziente, l’approvvigionamento e la gestione delle sacche di sangue (e di provvedere alla trasfusione in caso di necessità), sono tra gli obblighi della professione di anestesista. Le motivazioni della sentenza della Corte di Cassazione ci ricordano (e definiscono) i ruoli e le sfere di competenza delle due professioni di anestesista e direttore sanitario, nei confronti di ...

Continua la lettura →
0

Cassazione: colpa grave e colpa lieve

Posted by:

Cassazione: colpa grave e colpa lieve

Le linee guida come metro di legittimità

Per la Cassazione il sistema delle linee-guida dà, al medico, la legittimità ad essere giudicato sulla loro base. La responsabilità medica e l’adesione alle linee guida, sono fondamentali nel giudizio di responsabilità, così come è ancora attuale e valida la distinzione tra colpa lieve e colpa grave, per imperizia nella fase esecutiva delle raccomandazioni contenute nelle linee guida, riferite ed adeguate al caso. I giudici, ...

Continua la lettura →
0

Il ritardo è colpevole

Posted by:

Il ritardo è colpevole

Pediatra sottovaluta i sintomi di una polmonite e il bimbo muore

Lavisita domiciliare del Pediatra è una delle condizioni più discusse, ma allo stesso tempo più importanti, dell’attività di cura nei confronti dei piccoli pazienti. Anche la Cassazione interviene sul tema, con una sentenza, la n. 3206 del 2019, che stigmatizza il comportamento atteso nel caso specifico, per chi è tenuto a fornire questo particolare tipo di assistenza.

Per la ...

Continua la lettura →
0

Corresponsabili

Posted by:

Corresponsabili

Ginecologo e ostetrica corresponsabili se è mal gestita la sofferenza fetale 

Lavorare “insieme” è un imperativo in medicina, perché l’obiettivo è assistere il/la paziente con le nostre attività: in una parola, lavorare in “èquipe”. La frammentazione dell’assistenza è aggravata spesso dall’incomunicabilità tra figure professionali, per i motivi più vari e purtroppo a farne le spese può essere proprio il/la paziente. Lo ricorda la Cassazione con la sentenza 47801/2018, che entra nel merito ...

Continua la lettura →
0

Medici “salvi” se la paziente non si cura

Posted by:

Medici “salvi” se la paziente non si cura

C’èanche l’impegno da parte del paziente a curarsi: in altre parole è ciò che ha stabilito la  Cassazione penale (sentenza 21868/2018) sottolineando che  non c’è responsabilità penale per il medico che abbia agito secondo un protocollo e un suo convincimento sulla condizione di un paziente, anche se questo, una volta dimesso dalla struttura sanitaria,  non ha risolto i problemi che aveva al momento del ricovero.

La storia clinica presa in esame è ...

Continua la lettura →
0
12
Go To Top
AVVERTENZA: Questo sito web utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore agli Utenti Maggiori informazioni