Blog

EHCI Gradimento dei Cittadini e dati statistici

Posted by:

EHCI Gradimento dei Cittadini e dati statistici

E’ il mix “vincente” dell’Euro Health Consumer, classifica che combina i dati statistici ufficiali al livello di soddisfazione dei cittadini.
La Sanità italiana è al ventunesimo posto in Europa al vertice Paesi Bassi (898 / 1000), seguiti da Svizzera, Norvegia, Finlandia e Danimarca.

Mentre le classifiche ufficiali (in termini di spesa e performance cliniche) ci collocano sostanzialmente in media con gli standard europei, se i ricercatori aggiungono l’ottica dei consumatori, le cose per l’Italia sanitaria non vanno affatto bene.
Peggiora anche la performance che perde una posizione rispetto al 2013. Secondo lo studio “la performance del sistema sanitario italiano continua a scivolare verso il basso”, proseguendo nel suo cammino in discesa iniziato fin dai primi rilevamenti dell’EHCI”.
L’Italia è infatti “uno dei pochi paesi europei a non avere migliorato il suo punteggio in base all’indice”. Con 648 /1000 punti della nuova classifica redatta dall’Euro Health Consumer Index (EHCI), la nostra sanità si colloca al 21° posto mentre era al 20° nel 2013 ed al 16° nel 2008.

Lo studio ha compreso 36 paesi, più la Scozia. L’indice con cui viene stilata la graduatoria viene redatto combinando i risultati di statistiche pubbliche, sondaggi tra i pazienti e ricerche indipendenti condotte dal ‘think tank’ svedese Health Consumer Powerhouse, società privata specializzata nella misurazione delle performance della Sanità in Europa e in Canada, per sostenere l’empowerment di pazienti e consumatori.

Nel 2006, il primo indice assegnava un punteggio superiore a 800 a un solo paese, mentre nel 2014 la stessa soglia è stata superata da ben nove sistemi sanitari, tutti caratterizzati da ottime prestazioni.

Per lo studio, “la sanità pubblica rientra fra gli importanti sistemi che hanno disperatamente bisogno di riforme, ma nel clima di paralisi politica imperante non vengono attuate misure in grado di porre rimedio alla scarsità dei risultati”. Imputata la frammentazione del sistema.
“L’attuale regionalizzazione della sanità pubblica – si legge – minaccia di allargare il divario fra nord e sud, rendendo talvolta difficile stabilire la media italiana”.

Dato positivo: l’indagine relativa alle associazioni dei pazienti rileva un notevole miglioramento, che sembra avere ridotto significativamente il problema dei pagamenti in nero, guadagnando all’Italia nella valutazione “semaforo verde”.

Rimedi suggeriti: attuare misure specifiche, nella prevenzione antifumo, cause di scarsi risultati dei trattamenti. L’eccessivo consumo di antibiotici correla con l’elevato livello di gravi infezioni ospedaliere: si tratta di un pericolo che andrebbe affrontato.
La parità del sistema sanitario sembra risentire pesantemente della mancanza di preparazione per l’assistenza a lungo termine della popolazione in invecchiamento.
Per questo aspetto ci collochiamo allo stesso posto di Romania e Grecia.

BIBLIOGRAFIA
Euro Health Consumer Index 2014

   In allegato la Documentazione relativa in formato PDF

 

Click per visualizzare la Documentazione



Articoli correlati:


  • Nessun Articolo correlato
0
Giovanni Casiraghi

About the Author

Email: [email protected]
Go To Top
AVVERTENZA: Questo sito web utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore agli Utenti Maggiori informazioni