Blog

Cecità: riabilitazione visiva col contagocce

Posted by:

Cecità: riabilitazione visiva col contagocce

La relazione annuale al Parlamento sullo stato d’attuazione delle politiche inerenti la prevenzione della cecità, educazione e riabilitazione visiva(L. 284/97) illustra le attività svolte per la riabilitazione visiva e la prevenzione dell’ipovisione e della cecità nel 2013.

La normativa ha riconosciuto l’utilità della prevenzione in campo oftalmologico sostenendo economicamente tutte le Regioni, per garantire lo sviluppo della prevenzione della cecità e della riabilitazione visiva.

Nel corso del 2013 sono state finalizzate e concordate con la Direzione Generale della Programmazione sanitaria le “Linee di Indirizzo per la riabilitazione visiva” che necessitano di un approfondimento per specifici aspetti, sia relativamente ai Lea che ad oggi non comprendono le attività di riabilitazione visiva dell’ipovedente (nell’ambito della specialistica ambulatoriale), sia per l’accreditamento degli stessi centri.

Sempre nel 2013 si è lavorato alla stesura del nuovo Piano nazionale di prevenzione (2014-2018) dove è inserito un paragrafo relativo all’ipovisione e alla cecità.

Il sostegno economico risente dei pesanti tagli della legge di Stabilità sui finanziamenti che passati da 2.109.382,42 euro (2012) a 189.200 euro (2013).
La legge 284/97 stanziava 5 miliardi di lire. Gli stanziamenti sono necessari poiché la riabilitazione visiva dell’ipovedente non è ancora compresa nei Lea e quindi la contrazione dei finanziamenti mina il funzionamento dei centri di riferimento regionali.

Rimane quindi un’offerta molto varia, a macchia di leopardo. Nella Relazione si evidenzia come ancora sussistano condizioni di forte criticità per quanto riguarda l’organizzazione tra le Regioni ed anche all’interno dei territori regionali, per variabilità dell’offerta quali/quantitativa, sia dei servizi che delle strutture di riabilitazione visiva.

L’Istat ha rilevato che sono ipovedenti 4,5 persone ogni mille abitanti con il numero dei ciechi stimato intorno ai 370.000. L’impatto psicosociale della cecità e dell’ipovisione è giudicato molto rilevante, anche l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha nel Global Action Plan 2014-2019 un piano nazionale di prevenzione in campo oftalmologico.
Nella relazione sono riportate dettagliatamente tutte le attività svolte dai centri di educazione e riabilitazione visiva dalle Regioni: nella terza parte sono riportati i riferimenti normativi, in materia di prevenzione cecità e riabilitazione visiva e gli allegati tecnici.

   In allegato la Documentazione relativa in formato PDF

Click per visualizzare la Documentazione



Articoli correlati:

0
Sandro Pierdomenico

About the Author

Email: [email protected]
Go To Top
AVVERTENZA: Questo sito web utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore agli Utenti Maggiori informazioni