Blog

Emocitometri ed emocromi

Posted by:

Emocitometri ed emocromi

 

Ne è passato di tempo da quando nei laboratori la ‘Camera di Burker’ imperava.

Il povero Laboratorista, allora, contava una a una le cellule del sangue…

L’evoluzione tecnologica dalla fine degli anni settanta ha iniziato a correre sempre più velocemente.

Dal semplice conteggio degli elementi corpuscolati del sangue si è arrivati ad una definizione qualitativa dei leucociti e del loro grado di maturazione, si sono svelati quasi tutti i “segreti” dei globuli rossi  ed è migliorata la capacità di discriminare la presenza di interferenti o di particolari situazioni patologiche.

Infine, l’accuratezza analitica raggiunta da alcuni analizzatori presenti oggi sul mercato, ha permesso di snellire il lavoro del tecnico e del medico di laboratorio.

Come? Semplicemente con l’adozione dei cosiddetti filtri, ovvero una serie di allarmi per valori anomali o caratteristiche anomale del campione.

Tutto ciò che rimane “taggato” dovrà essere ri-valutato, il resto andrà direttamente al referto.

Il Tecnico e il Medico di Laboratorio hanno ridotto il tempo impegnato per gestire tutti gli esami emocromocitometrici dedicandosi così ai soli campioni patologici per un esame di qualità.

   In allegato presentazione PPT-FlipBook

Click per visualizzare


Articoli correlati:

0
Paolo Paparella

About the Author

Email: [email protected]
Go To Top
AVVERTENZA: Questo sito web utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore agli Utenti Maggiori informazioni