Blog

Foto di Famiglia in un BES

Posted by:

Foto di Famiglia in un BES


Come siamo, in tema di salute e non solo, è l’obiettivo del nuovo Rapporto BES elaborato dal Cnel (Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro) e dall’Istat (Istituto nazionale di statistica) pubblicato per la prima volta.

Sul primo rapporto “Benessere Equo e Sostenibile” è fotografata la società italiana attraverso 134 indicatori suddivisi per 12 aree di ricerca (salute, istruzione e formazione, lavoro e conciliazione dei tempi di vita, benessere economico, relazioni sociali, politica e istituzioni, sicurezza, benessere soggettivo, paesaggio e patrimonio culturale, ambiente, ricerca e innovazione e qualità dei servizi).

 La vita media continua ad aumentare, e l’Italia è tra i Paesi più longevi d’Europa.

Le donne, a fronte dello storico vantaggio (più longeve) che si va riducendo, sono più svantaggiate in termini di qualità della sopravvivenza: mediamente, un terzo della vita è vissuto in condizioni di salute “non buone”. Mortalità infantile, da incidenti stradali e da tumori (mortalità evitabile), sono in calo nel lungo periodo, mentre crescono i decessi per demenza senile e malattie del sistema nervoso.

La durata della vita media in Italia è 79,4 anni – uomini – e 84,5 – donne, con valori leggermente più bassi al Sud – rispettivamente 78,8 e 83,9 anni – (stime 2011).

In Francia e in Spagna le donne sono più longeve che in Italia (85,3 anni in entrambi i Paesi); gli uomini più longevi sono gli svedesi, mentre gli Italiani sono al quarto posto  insieme con gli spagnoli, dopo ciprioti e maltesi (stime 2010).

Negli ultimi dieci anni in Italia la vita media è aumentata di 2,4 anni per gli uomini e di 1,7 anni per le donne. Per la prima volta negli ultimi anni, la provincia di Bolzano (80,5 anni   uomini) affianca la regione Marche, tradizionalmente a più lunga sopravvivenza.

Anche per le donne è la provincia di Bolzano (85,8 anni) quella con la sopravvivenza media più elevata, seguita da Trento (85,5) e dalle Marche (85,4). La regione in cui mediamente si vive meno a lungo? La Campania, con sopravvivenza di 77,7 anni – uomini – e  83 anni – donne (stime 2011). Si riducono le differenze di genere: il vantaggio femminile, che nel 2001 era di 5,8 anni, si riduce a 5,1 nel 2011, continuando una tendenza iniziata nel 1979, quando raggiunse il massimo di 6,8 anni.

La speranza di vita in buona salute è l’indicatore che combina la componente di sopravvivenza alla percezione di buona salute da parte dei cittadini.  Si misura alla nascita: nel 2010 un nuovo nato in Italia conta su 59,2 anni di vita in buona salute se maschio, 56,4 se femmina, con uno svantaggio rispetto alla media per i residenti nel Mezzogiorno di 2,8 anni  – maschi -  e 2,3 anni -  femmine.

Particolarmente “stuzzicanti” i box che si trovano in chiusura di capitolo delle diverse aree di ricerca “appunti per il futuro” e la bibliografia “per saperne di più”

 

Il Documento è in formato Flip-Book che ha la prerogativa di poter essere sfogliata come un  libro.

Per aumentare l'area di lettura si puo' effettuare il full-screen dello schermo premendo il tasto F11 di Internet Explorer. Ripremerlo per disattivare l'effetto.


Click per sfogliare il Documento

oppure…

   In allegato il Documento in formato PDF

Click per il Documento in formato PDF


Articoli correlati:

0
Giovanni Casiraghi

About the Author

Email: [email protected]
Go To Top
AVVERTENZA: Questo sito web utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore agli Utenti Maggiori informazioni