Blog

Malaria è Vaccino

Posted by:

Malaria è Vaccino

L’Oms approva il primo vaccino “diffuso”

Svolta storica nella lotta alla malattia. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) approva e raccomanda l’uso diffuso del primo vaccino contro la malaria, tra i bambini dell’Africa subsahariana e in altre regioni con trasmissione della malaria da P. falciparum, da moderata a elevata. La raccomandazione si basa sui risultati di un programma pilota in corso dal 2019 in Ghana, Kenya e Malawi e che ha raggiunto più di 800.000 bambini.

Nonostante negli ultimi decenni la mortalità per malaria sia calata notevolmente, passando dai 736 mila del 2000 ai 409 mila del 2019, questa patologia continua ad avere un alto tasso nei bambini sotto i 5 anni (84% nel 2000 e 67% nel 2019). In totale, più di 260.000 bambini africani muoiono di malaria ogni anno. IL World malaria report 2020 dell’OMS lo testimonia crudemente.

Le terapie disponibili stanno sviluppando sempre più resistenze e non sono prive di effetti collaterali. Sono quindi spesso meno efficaci nel prevenire lo sviluppo delle fasi più gravi della malattia. Anche per questo la malaria rimane una delle principali cause di morte nell’Africa subsahariana. Negli ultimi anni, l’Oms e i suoi partner hanno segnalato una stasi nelle attività sanitarie contro la malattia mortale.

Il contesto è aggravato dalla difficoltà di diagnosi, per via della mancanza di competenze e strumentazioni adeguate a seguire le numerose fasi del ciclo vitale del Plasmodium e, soprattutto, per la difficoltà nel bonificare le aree coinvolte. La comparsa anche di un nuovo vettore, Aedes koreicus, ci fa constatare che la situazione sia in evoluzione e che non parliamo più delle “malattie di una volta”: anche l’epidemiologia corre veloce, come Internet!

Questo è davvero un momento storico particolare: il tanto atteso vaccino rappresenta una svolta per la scienza, la salute dei bambini ed il controllo della malaria. Il suo utilizzo, in aggiunta agli strumenti esistenti per prevenire la malaria, potrebbe salvare decine di migliaia di giovani vite, ogni anno“. Sono le parole di Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms.

Per secoli la malaria ha perseguitato l’Africa subsahariana, causando immense sofferenze personali. Abbiamo a lungo sperato in un vaccino efficace contro la malaria e ora, per la prima volta in assoluto, ne abbiamo uno raccomandato per un uso diffuso, offrendo un barlume di speranza per il continente che sopporta il fardello più pesante della malattia. La speranza è che molti più bambini africani siano protetti dalla malaria e possano diventare adulti sani.

Ad oggi, sono state somministrate più di 2,3 milioni di dosi del vaccino, in 3 paesi africani: il preparato ha un profilo di sicurezza favorevole. Nelle aree in cui è stato introdotto, non c’è stata una diminuzione nell’uso di zanzariere trattate con insetticida, nell’adozione di altre vaccinazioni infantili o nel comportamento per prevenire le malattie febbrili. Con l’aggiunta del vaccino è stata registrata una riduzione significativa (30%) della malaria grave e mortale, in aree in cui le reti trattate con insetticida sono ampiamente utilizzate e vi è un buon accesso alla diagnosi e al trattamento.

Il vaccino contro la malaria (RTS S/AS01 – Mosquirix) dovrebbe essere fornito, con un programma di 4 dosi, ai bambini dai 5 mesi di età. I prossimi passi includeranno finanziamenti da parte della comunità sanitaria globale al fine di implementare l’attività vaccinale e promuovendo processi decisionali nazionali sull’adozione del vaccino come parte essenziale delle strategie di controllo della malaria.

Il Mosquirix deve essere utilizzato solo nelle aree del mondo in cui è prevalente la malaria causata da Plasmodium falciparum, secondo le raccomandazioni ufficiali presenti in quelle aree. Il preparato aiuta anche a proteggere dall’infezione epatica dal virus dell’epatite B, ma non dovrebbe essere adottato solo per questo scopo.

Già nel 2015 l’Ema (European Medicines Agency) ne aveva approvato l’uso, nei bambini di età compresa tra 6 settimane e 17 mesi, a seguito di un approfonditoRisk Management Summary Plan” dedicato al vaccino.

BIBLIOWEB:

Sito WHO – World malaria report 2020 https://www.who.int/publications/i/item/9789240015791
Sito WHO Malaria Vaccines https://www.who.int/immunization/sage/meetings/2015/october/1_Final_09_30.pdf
Sito EMA https://www.ema.europa.eu/en/opinion-medicine-use-outside-EU/human/mosquirix
Sito ISS https://www.epicentro.iss.it/malaria/epidemiologia-mondo
WHO, Vectors & Malaria https://newmicro.altervista.org/?p=5500
Aggiornamento diagnostico sulla Malaria https://newmicro.altervista.org/?p=5295
Plasmodium pordenonensis?   https://newmicro.altervista.org/?p=5457
Sicurezza Trasfusionale https://newmicro.altervista.org/?p=5339
Zanzare e Zecche https://newmicro.altervista.org/?p=5311
Nasce “ Malattie Vettoriali” https://newmicro.altervista.org/?p=5104
Insieme contro le Arbovirosi https://newmicro.altervista.org/?p=4866
Malaria Capillare https://newmicro.altervista.org/?p=4528
Bimbi & Viaggi https://newmicro.altervista.org/?p=4418
Malaria News https://newmicro.altervista.org/?p=2297
La Microbiologia stupisce ancora? https://newmicro.altervista.org/?p=719

 Summary of risk management plan for Mosquirix (Plasmodium falciparum and hepatitis B vaccine – recombinant, adjuvanted) - WHO’s Malaria Vaccine Pilot Evaluation (PDF)

Un Click per Leggere



Articoli correlati:

0
Assunta Sartor

About the Author

Email: [email protected]
Go To Top
AVVERTENZA: Questo sito web utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore agli Utenti Maggiori informazioni