Blog

Dall’Analogico al Digitale in Medicina

Posted by:

Dall’Analogico al Digitale in Medicina

La radiologia, le immagini e la loro evoluzione

Larivoluzione digitale passa dalla “carta” al computer o, per meglio definire il tema, si muove dall’analogico al digitale. Succede ovunque e ne “risente” tutta l’organizzazione della società e quanto più acuta è la transizione, tanto più è ampia la mole di dati. La sanità non fa eccezione, anzi. Diversa è però la quantità di dati manipolati: un fattore critico di crescita è l’insieme delle immagini che vengono gestite.

Per tale motivo possiamo identificare due “indicatori impropri” del fenomeno, le quantità di dati e  le immagini: sono due parametri “digitali” indicativi della memoria necessaria per gestire le problematiche connesse. In sanità due servizi sono i più coinvolti nel tema: la radiologia, con la sua produzione “iconografica” che ha spinto verso un nuovo termine identificativo, il Dipartimento di gestione delle Immagini ed il Laboratorio di Analisi Cliniche, al secondo posto per prestazioni al/alla “cittadino/a” (dopo la visita medica), per quantità di dati.

Il digitale ha prodotto nuove soluzioni che ci hanno portati a robot umanoidi e/o a corpi robotici di cortesia, per pazienti allettati o agli esoscheletri. Contemporaneamente si sono sviluppati sensori indossabili (gli IoT) e programmabili, ricordandoci i cyborg dei film di fantascienza di maggior o minor successo.

Soprattutto richiamiamo l’attenzione sull’aspetto che si è modificato “tumultuosamente” nella crescita del “sapere sanitario”, quello della gestione delle immagini, verificatosi nelle radiologie di tutto il mondo. A ripercorrere le tappe di questo cammino evolutivo, ci aiutano le diapositive che Gianni Pellicanò, neuroradiologo al Careggi di Firenze, ha messo a disposizione della nostra web-rivista.

Scopriamo cosi che siamo debitori dei Beatles per la “sponsorizzazione”, da parte di EMI (la casa discografica dei quattro di Liverpool) del progetto di Geoffrey Hounsfield, che proponeva una nuova apparecchiatura computerizzata per le immagini, giudicata “folle e/o visionaria”: era la Tomografia Assiale Computerizzata!

Anche nelle altre specialità sanitarie si sono affacciate le immagini, aggiungendo completezza ai dati: nei laboratori analisi la cito-fluorimetria sfrutta tecniche simili a quelle utilizzate negli eco-color doppler e/o nelle angiografie. Una volta proposto un modello, le applicazioni spaziano da un capo all’altro della medicina: è solo questione di tempo e di idee innovative.

In ogni caso, la relazione del Dr Pellicanò (allegata in e-book) ha l’indubbio pregio di accompagnarci passo passo nell’evoluzione dell’immagine e delle tecnologie, di quella che una volta veniva chiamata semplicemente “Radiologia”.

BIBLIOWEB:

Pellicanò G. “Dall’Analogico al Digitale in Medicina” in Atti Mostra-Convegno, il “FIM 2019”, Fisica e Informatica in Medicina, 3D Imaging Printing e Design (in Ptx-FlipBook)
Lo scafandro e la farfalla http://newmicro.altervista.org/?p=6040
Oggi è domani http://newmicro.altervista.org/?p=5779
Medical Smart Toys http://newmicro.altervista.org/?p=4594
Diagnostica per immagini, consenso informato e dematerializzazione http://newmicro.altervista.org/?p=4293
L’e_Health è la nuova frontiera della sanità http://newmicro.altervista.org/?p=4372
Parola d’Europa: software e app mediche sono dispositivi medici http://newmicro.altervista.org/?p=3670
New Health technologies http://newmicro.altervista.org/?p=2427

 Dall’Analogico al Digitale in Medicina - Pellicanò G. – Mostra Convegno “FIM 2019”, Fisica e Informatica in Medicina, 3D Imaging Printing e Design _ Milano 10/11 Maggio 2019  (Ptx-FlipBook)

 Un Click per Leggere

 


Articoli correlati:

0
Francesco Sicurello

About the Author

Email: [email protected]
Go To Top
AVVERTENZA: Questo sito web utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore agli Utenti Maggiori informazioni