Blog

Ebola International

Posted by:

Ebola International

Torna a far paura in Congo. OMS dichiara l’emergenza internazionale

E’ passato un anno dall’ultimo allarme  e Ebola torna a preoccupare la comunità internazionale

ILComitato d’Emergenza previsto dal Regolamento Sanitario Internazionale (RSI 2005), dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), ha valutato che l’attuale epidemia da virus Ebola, nelle province di Nord Kivu e Ituri della Repubblica Democratica del Congo (RDC), costituisce un’emergenza di sanità pubblica internazionale. Ha riconosciuto che il rischio, stimato come molto alto a livello nazionale e regionale, potrebbe aumentare, necessitando un maggior coordinamento internazionale. In ogni caso, per i Paesi europei, il rischio rimane basso.

Il Comitato ha espresso preoccupazione per la possibile estensione dell’epidemia e per la situazione a Beni, da cui in precedenza il virus si è diffuso in numerose località. Il Comitato ha riconosciuto che il rischio potrebbe aumentare, necessitando un maggior coordinamento internazionale, nell’ambito del Regolamento Sanitario Internazionale. Sussistono, pertanto, le condizioni per una PHEIC (Public health emergencies of international concern). È necessario che venga rafforzato l’impegno internazionale a combattere l’epidemia e vengano resi disponibili maggiori finanziamenti, per gli interventi di controllo e contenimento.

La sorveglianza in Congo.  L’epicentro dell’epidemia in RDC si è spostato da Mabalako a Beni, che ha registrato il 46% dei casi totali, nelle sole ultime tre settimane. Un caso importato è stato segnalato a Goma, un importante centro di scambi commerciali col Ruanda (si stima che circa 15 mila persone, ogni giorno, passino il confine da Goma al Ruanda), dove è situato un aeroporto internazionale, che comunque non effettua voli diretti verso i paesi europei.

Sono stati completati 75 milioni di esami di screening e monitorati oltre 70 Punti d’Entrata, con paesi confinanti. Alla data del 16 luglio 2019, sono stati segnalati 2522 casi (confermati o probabili), con 1698 decessi. Continua a preoccupare il dato legato agli operatori sanitari: si sono infettati in 136, quarantuno dei quali deceduti. L’epidemia continua, con una segnalazione media settimanale di 80 nuovi casi.

Il Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie (ECDC) valuta che la probabilità che un cittadino europeo, che vive o che si reca nelle aree affette dall’epidemia, contragga l’infezione è bassa, qualora vengano applicate le precauzioni di seguito specificate; considera inoltre che il rischio di introduzione o di ulteriore diffusione di EVD (Ebola virus disease) nei paesi europei sia molto bassa.

 PerEbolaTesto

BIBLIOWEB:

Statement on the meeting of the Intenational Health Regulations (2005) Emergency Committee for Ebola virus disease in the Democratic Republic of the Congo on 17  July  2019 – OMS (in PDF allegato) https://www.who.int/ihr/procedures/statement-emergency-committee-ebola-drc-july-2019.pdf
Rapid risk assessment: Ebola virus disease outbreak in North Kivu and Ituri Provinces, Democratic Republic of the Congo – fifth update  https://ecdc.europa.eu/en/publications-data/RRA-ebola-virus-disease-outbreak-DRC-fifth-update
Ebola, ci risiamo? http://newmicro.altervista.org/?p=4311
A proposito di vaccini: e l’Ebola? Zebov http://newmicro.altervista.org/?p=2416
POCT ed Ebola http://amicimedlab.altervista.org/?p=7654
Nuovo test rapido per Ebola http://amicimedlab.altervista.org/?p=6060
Ci siamo primo caso in Italia http://amicimedlab.altervista.org/?p=5908

 Ebola virus disease outbreak in North Kivu and Ituri Provinces, Democratic Republic of the Congo –  19 July 2019 / Statement on the meeting of the International Health Regulations (2005),  17 July 2019 (PDF)

Un Click per Leggere



Articoli correlati:

0
Elisa Vian

About the Author

Email: [email protected]
Go To Top
AVVERTENZA: Questo sito web utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore agli Utenti Maggiori informazioni