Blog

Basta la Parola

Posted by:

Basta la Parola

 Parole italiane per ISO/IEC 17025:2017 e ISO/IEC 17011:2017

Nell’identificazione di un modello è importante definire le idee ed i contenuti, ma è fondamentale la scelta delle parole che spiegano ed esplicitano i concetti. Torna alla mente il “Basta la parola” di un noto spot pubblicitario, di ormai parecchio tempo fa. La funzione di una buona (corretta) traduzione, rende utilizzabile un libro ed i suoi contenuti, lo fa diventare patrimonio comune dei lettori e tramite loro, della nazione e della lingua di traduzione.

Non vale solo per i libri, specie i romanzi, ma si applica a maggior ragione nel campo tecnico e negli standard internazionali. Questi ultimi hanno ricadute importanti, sull’attività di ogni giorno e vengono presi ad esempio di buone pratiche professionali, ovunque, nel mondo. A livello internazionale il “faro” a cui tutti ci rivolgiamo sono le norme ISO, nelle loro diverse “release”, versioni ed applicazioni.

Negli anni ’90, nella Medicina di Laboratorio, si era formato un gruppo di colleghi che “ruotavano” attorno a quello che è stato un maestro in questo campo, Il Professor Angelo Burlina, fondatore e primo presidente della SIMEL. Di questo gruppo facevano parte tra gli altri Romolo Dorizzi e Marco Pradella, che si è da sempre cimentato nelle varie traduzioni estemporanee delle norme ISO-CEN-UNI. In quel periodo storico andava per la maggiore un fumetto, che giocava molto spesso sul significato delle parole e sulla formazione dei concetti, con la scelta della parola giusta nel contesto: B.C. di Johnny Hart. A molti di noi le vignette avevano strappato più di un sorriso.

Oggi nessuno può dubitare della competenza del Dott. Pradella su questi temi, propedeutici ad Accreditamento e Qualità, campo nel quale possiamo a buon diritto considerarlo uno dei “guru”. Una buona traduzione, con le parole giuste, presuppone una profonda conoscenza dei temi trattati e proprio per questo consiglio la lettura della nuova fatica di Marco, “ Parole Italiane per ISO/IEC 17025:2017 e 17011:2017”, capace di rendere più familiari queste norme, di non sempre facile assimilazione nell’originale inglese.

Ci aiutano gli obiettivi dichiarati dall’Autore: “Le parole delle norme ISO 17025 e ISO 17011 sono in grado di influenzare numerosi scritti, tra cui regolamenti, check-list e documenti dei sistemi qualità. La corretta traduzione ed interpretazione dei termini, usati nelle norme, è perciò importante per la corretta applicazione nelle attività, sia degli enti di accreditamento sia dei soggetti accreditati. I rischi di errori, di traduzione o di interpretazione, non sono trascurabili. In questo studio sono stati suddivisi in gruppi per significato affine”.

Le cose migliori della vita sono gratis” diceva un famoso aforisma ed il libro in questione non se ne discosta, considerando che è davvero gratuito. Chi può evitare di aderire ad un’offerta di questo tipo?

MarcoPerTesto

BIBLIOWEB:

Marco Pradella – Parole italiane per ISO/IEC 17025:2017 e ISO/IEC 17011:2017  (in Flip-Book allegato) oppure e-Book (PDF) (Prezzo=gratuito), 2018 Lulu_Ed.
https://labmedico.blogspot.com/2018/12/parole-italiane-per-isoiec-170252017-e.html
Marco Pradella’s Books and Publications Spotlight
La Banca Dati nazionale DNA è ISO (ISO/IEC 17025)
http://newmicro.altervista.org/?p=3876
Aspettando ISO/IEC 17011 http://newmicro.altervista.org/?p=3201
La nuova norma ISO 45001 http://newmicro.altervista.org/?p=3994
Sangue ISO e non solo http://newmicro.altervista.org/?p=4734

 Parole italiane per ISO/IEC 17025:2017 e ISO/IEC 17011:2017Marco Pradella, 2018 (PDF-FlipBook)

Un Click per Leggere



Articoli correlati:

0
Giovanni Casiraghi

About the Author

Email: [email protected]
Go To Top
AVVERTENZA: Questo sito web utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore agli Utenti Maggiori informazioni