Blog

Privacy, un parere Legale

Posted by:

Privacy, un parere Legale

Dal Workshop ASST Nord Milano, IITM, Università Milano Bicocca, CNR

Cisiamo. Il prossimo 25 maggio 2018  “partirà” a tutti gli effetti anche in Italia, il nuovo General Data Protection Regulation (GDPR) “europeo”, con l’obbligo da parte delle Organizzazioni che trattano informazioni (Pubblica Amministrazione e strutture private), di proteggere i dati personali in un sistema digitale globale ed interconnesso (Internet, Cloud, social media, etc).

In particolare, i dati sanitari dei cittadini-pazienti sono sensibili e rivestono una forte valenza per cui i sistemi informativi (sanitari, ospedalieri e di altre realtà aziendali) devono dotarsi di risorse, informatiche ed umane, per garantire la privacy e la sicurezza dei dati, alla luce del regolamento  europeo 679/2016. E’ di tutta evidenza la necessità di un “salto culturale” che tutte le organizzazioni, dalle più semplici alle più complesse, devono acquisire velocemente, qualora non lo abbiano già fatto.

L’iter di adeguamento alla normativa, richiede un approccio sistemico. Quali conseguenze potrebbe avere un’intrusione che porti alla sottrazione della banca dati, o all’indisponibilità dei dati trattati? Cosa potrebbe accadere a seguito della “compromissione” di un sistema di telemedicina o dei fascicoli sanitari elettronici?

Nell’ambito sanitario, il GDPR diviene più stringente, rispetto ad altre realtà poiché, trattando “dati sensibili” anche di soggetti vulnerabili. I livelli di attenzione e di azione sono maggiori. Tutte le strutture sanitarie, sia pubbliche sia private autorizzate e/od accreditate, sono chiamate ad impiegare tutti quei processi atti a tutelare la protezione delle “persone fisiche”.

Su tali problematiche è stato organizzato un workshop (ASST Nord Milano, Istituto Internazionale di Telemedicina, Dipartimento Informatica – Università di Milano Bicocca, Istituto Tecnologie Biomediche – CNR) che ha affrontato le novità negli articoli del GDPR (sarà un migliore e più potente sistema di salvaguardia dei dati personali?), il ruolo del DPO (Data Protection Officer) nelle strutture sanitarie, i cambiamenti organizzativi e gli adempimenti conseguenti.

Adeguare gli applicativi alle nuove norme ed alla necessità di tracciare le attività degli utenti, regolando le funzioni di accesso e trattamento dei dati (anche con tecnologia di block-chain), è la sfida rivolta agli operatori dei servizi informatici, alle società ICT, ma in particolare a tutti i lavoratori in ambito sanitario.

Durante il convegno, ha suscitato particolare attenzione il parere dell’Avvocato Paola Maddalena Ferrari, che ha trattato, da un punto di  vista legale, i rivolgimenti organizzativi che si preparano (e che stanno avvenendo) nelle strutture sanitarie. Oltre all’analisi di contesto ed alle correlazioni con il quadro legislativo italiano, l’aspetto accattivante della relazione è stato “come calare nella pratica” le prescrizioni del GDPR.

Il richiamo iniziale all’effetto mediatico, legato alle violazioni della privacy, è stato sviluppato con  esempi calati in schermate di documentazione sanitaria, a descrizione delle regole legate alla nuova visione: una rivoluzione effettiva, del modo in cui nella pratica queste sono esercitate. Proprio il “calarsi nel concreto” è il motivo premiante per i sanitari che scorreranno le diapositive dell’avvocato Ferrari, che ringraziamo per la disponibilità (e la concessione delle “slides”).

BIBLIOWEB:

Ferrari P.M. – Regolamento Ue 2016/679 – Il Trattamento dei Dati in ambito Sanitario,  Atti del Workshop Regolamento UE sulla Privacy (GDPR), Sicurezza Informatica e Protezione dei Dati Sanitari. ASST Nord Milano, maggio 2018 (in allegato PPT-FlipBook)
Privacy europea: GDPR, informativa e nuovi diritti  http://newmicro.altervista.org/?p=4122
Privacy & Rischio   http://newmicro.altervista.org/?p=4187
Privacy Countdown http://newmicro.altervista.org/?p=3891

 “Il Trattamento dei Dati in ambito Sanitario” -  P.M. Ferrari, ASST Nord Milano, 18 maggio 2018  (PPT-FlipBook)

Un Click per Leggere



Articoli correlati:

0
Giovanni Casiraghi

About the Author

Email: [email protected]
Go To Top
AVVERTENZA: Questo sito web utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore agli Utenti Maggiori informazioni